Pagine

martedì 28 agosto 2012

AS AND LIKE - unit 4


AS and LIKE

LIKE

-          preposition (when is following by a noun)
      example : like a house (come una casa)
-          pronoun
      example : like it (come esso)
-          gerund
      example : like swimming (nuotando)
-          to create a sort of comparison (the comparison is not real)
      example : my house is like your house

AS

-          preposition (tell what job/function a person/thing has)
example : as a chief, I have to cook all the day (come cuoco, devo cucinare tutto il giorno)
              : I used the tin as a cup to drink out of (ho usato un barattolo come tazza per bere)
-          some verbs are followed by AS + OBJECT
example : he is known as a generous person (è conosciuto come una persona generosa)
-          SUCH AS = per esempio
Example : I enjoy films, such as thriller  (mi piacciono I film, per esempio I thriller)
-          Conjunction (followed by subject and verb)
Example : she cut up the vegetables as I had taught her (taglia le verdure come le ho insegnato)
-          Comparison (the comparison is real)
      Example : as palace, Windsor is very impressive (come palazzo, Windsor è davvero solenne)

lunedì 27 agosto 2012

MODAL VERBS - unità 3


OBLIGATION, NECESSITY, PERMISSION

STRONG OBLIGATIONS

  1. MUST » used for strong obligations imposed by the speaker
                        » used to talk about laws and regulations
                        » used in present and future
  1. HAVE TO/HAVE GOT TO » used for strong obligations not imposed by the speaker
                                                          » used in present and future
  1. HAD TO » used in past
                      » used with reported obligations

WEAK OBLIGATIONS

  1. SHOULD » used in present (should have done used in the past)
                        » should + present tense
                        » there isn’t difference between should and ought to
                        » used to give advices, to say that is good or bad to do something
  1. OUGHT TO » used in present (ought to have done used in the past)
                           » ought + to + infinite
                           » the past form (for both two) is used for criticism or regret because an action  
                              didn’t happen

LACK OF OBLIGATIONS

  1. NEED » used to talk about something that is urgent or necessary
                  » forma negative ha lo stesso uso di have to
  1. DOESEN’T/DON’T NEED TO
  2. DOESEN’T/DON’T HAVE TO

ASKING/GIVING FOR PERMISSION

  1. CAN » used to giving/asking permission
  2. COULD » more polite
  3. MAY » formal
  4. OTHER WAYS » to allow someone to do
                                 » to permit someone to do
                                 » to let someone to do

mercoledì 15 agosto 2012

NOMI DELLA III DECLINAZIONE - lessico greco

NOMI III DECLINAZIONE
TRADUZIONE
γυνή, γυναικός, ἡ
θρίξ, τρικός, ἡ
κλίμαξ, κλίματος, ἡ
σάρξ, σαρκός, ἡ
φάλαγξ, φάλαγγος, ἡ
φλέψ, φλεβός, ἡ
ὤψ, ὡπός, ἡ
ἄναξ, ἄνακτος, ὁ
Ἑλλάς, Ἑλλάδος, ἡ
ἐλπίς, ἑλπίδος, ἡ
νύξ, νυκτός, ἡ
παῖς, παιδός, ὁ, ἡ
πούς, ποδός, ὁ
χάρις, χάριτος, ἡ
ὄρνις, ὀρνίθος, ὁ
αἷμα, αἶματος, τό
γάλα, γάλακτος, τό
γράμμα, γράμματος, τό
δέρμα, δέρματος, τό
δόρυ, δόρατος, τό
δρᾶμα, δράματος, τό
δῶμα, δόματος, τό
κτῆμα, κτήματος, τό
μάθημα, μαθήματος, τό
ὄνομα, ὀνόματος, τό
οὖς, ὠτός, τό
ποίημα, ποιήματος, τό
πράγμα, πράγματος, τό
σῶμα, σώματος, τό
φῶς, φωτός, τό
χρῶμα, χρώματος, τό
λέων, λεόντος, ὁ
ὀδούς, ὀδόντος, ὁ
ἄλγος, τό
ἄνθος, τό
γένος, τό
ἔθνος, τό
εἶδος, τό
κράτος, τό
ὄρος, τό
ὅρος, τό
πάθος, τό
ἅλς, ἁλός, ὁ
ἀνέρ, ἀνδρός, ὁ
ἧπαρ, ἥπατος, τό
θυγάτηρ, θυγατρός, ἡ
μήτηρ, μητρός, ἡ
ὄναρ, ὀνειρατος, τό
πατήρ, πατρός, ὁ
πῦρ, πυρός, τό
σωτήρ, σωτῆρος, ὁ
χείρ, χειρός,
ἀγών, ἀγῶνος, ὁ
ἄρχων, ἄρχοντος, ὁ
ἡγεμών, ἡγεμόνος, ὁ
λιμήν, λιμένος, ὁ
ῥις, ῥινός, ἡ
χειμών, χειμῶνος, ὁ
αἵρεσις, αἱρέσεως, ἡ
μίμεσις, μιμέσεως, ἡ
πόλις, πόλεως, ἡ
φύσις, φύσεως, ἡ
ὕβρις, ὕβρεως, ἡ
δύςαμις, δυνάμεως, ἡ
ἄστυ, ἄστεως, τό
ἰχθύς, ἰχθύος, ὁ
μῦς, μυός, ὁ
βασιλέυς, βασιλέως, ὁ
Ζεύς, Διός, ὁ
ναῦς, νεώς, ἡ
γραφεύς, γραφέως, ὁ
ἱερεύς, ἱερέως, ὁ
ἰππεύς, ἰππέως, ὁ
γονεύς, γονέως, ὁ
γλυκύς, γλυκεῖα, γλυκύ


Donna, moglie
Capello
Scala
Carne
Falange
Vena
Occhio
Re
Grecia
Speranza
Notte
Ragazzo, figlio
Piede
Grazia, favore
Uccello
Sangue
Latte
Lettera
Pelle
Asta, lancia, nave
Dramma, azione
Casa
Possesso, bene
Materia, studio
Nome
Orecchio
Poema
Cosa, affare
Corpo
Luce
Colore
Leone
Dente
Dolore
Fiore
Stirpe, specie, genere
Etnia, popolo
Aspetto
Forza
Monte

Passione
Sale, mare
Uomo
Fegato
Figlia
Madre
Sogno
Padre
Fuoco
Salvatore
Mano
Lotta, gara
Arconte, comandante
Condottiero
Porto
Naso
Inverno, tempesta
Scelta
Imitazione
Città
Natura
Violenza, presunzione, prepotenza
Forza, potenza, esercito
Città, fortino
Pesce
Topo
Re
Zeus
Nave
Pittore, scrittore
Sacerdote
Cavaliere
Genitore
Dolce (aggettivo)

AGGETTIVI DELLA I CLASSE - lessico greco

AGGETTIVI I CLASSE
TRADUZIONE
ἀγαθός
αἰσχρός
δἰκαιος
ἄδικος
ἱερός
κακός
καλός
κοινός
μαχρός
μιχρός
μόνος
νέος
ὀλίγος
ὅμοιος
πρῶτος
φίλος
ἀδύνατος
βάρβαρος
ἔμπειρος
πλέως

Buono
Vergognoso
Giusto
Ingiusto
Sacro
Cattivo
Bello
Comune
Grande
Piccolo
Unico, solo
Giovane, nuovo
Poco
Uguale
Primo
Amico
Impossibile
Straniero
Esperto
Pieno

NOMI DELLA II DECLINAZIONE - lessico greco

NOMI II DECLINAZIONE
TRADUZIONE
ἄγγελος
ἀγρός
ἀδελφός
ὰνθρωπος
βίος
δῆμος
ξοδος
ἥλιος
θεός
θησαυρός
θυμός
ἰατρός
ἵππος
λύκος
μῦθος
ξένος
ὀφθαλμός
ποταμός
τόπος
ὕπνος
φίλος
χρόνος
ἀνδράποδον
ἄντρον
βιβλίον
γυμνάσιον
δῶρον
εἴδολον
ζῷον
θέατρον
ὅπλον
παιδίον
ῥόδον
τέκνον
τόξον
νήπιος
νοῦς (contratto)
πλοῦς (contratto)
ἕως (decl attica)
λέως (decl attica)
νέως (decl attica)
Messaggero
Campo
Fratello
Uomo
Vita
Popolo
Uscita
Sole
Dio
Tesoro
Animo, coraggio
Medico
Cavallo
Lupo
Mito, racconto
Straniero, ospite
Occhio
Fiume
Luogo
Sonno
Amico
Tempo
Schiavo
Antro
Libro
Palestra
Regalo
Immagine
Animale
Teatro
Arma
Fanciullo
Rosa
Figlio
Arco
Infante
Mente
Navigazione
Aurora
Popolo (guerriero)
Tempio

NOMI DELLA PRIMA DECLINAZIONE - lessico greco

NOMI I DECLINAZIONE
TRADUZIONE
ἀγορά
αἰτία
ἀρετή
ἀρχή
δίκη
εἰρήνη
ἡμέρα
ἱστορία
μάχε
σοφία
στρατιά
σωτηρία
τύχε
φιλία
ψυχή
δεσπότης
ὀπλίτης
ποιητής
στρατιώτης
πολίτης
ἀλήθεια
δόξα
θάλαττα
μοῖρα
Piazza, mercato
Causa
Virtù, valore
Inizio, comando
Giustizia
Pace
Giorno
Storia
Battaglia
Saggezza
Esercito
Salvezza
Sorte
Amicizia
Anima
Signore, padrone
Oplita
Poeta
Soldato
Cittadino
Verità
Gloria, opinione
Mare
Destino

VERBI GRECI - lessico fondamentale

VERBI
TRADUZIONE

ἄγω
βάλλω
γράφω
ἔχω
λαμβάνω
λέγω
φεύγω
φέρω
βούλομαι
γίγνομαι
δύναμαι
μέλλω
θέλω
ὁράω
ἕρχομαι
μάχομαι
αγγέλλω
βαίνω
γίγνωσκω
διδάσκω
κρύπτω
λάμπω
οἰκίζω
Σῴζο
τείνω
φαίνω
φαίνομαι
πείθο
πείθομαι
ᾄδω
χράω
τιμάω
πιοέω
δουλόω
τίθημι
δίδωμι
ἵστημι
ἵημι
νεωτερίζω
ἕπομαι
εργάζομαι
θνῄσκω
νομίζω
εἰμι
εἶμι
φημί
κεῖμαι
κάθεμαι
θύω
δέω
δείκνυμι
καίω
κλαίω
πλέω
πνέω
θέω
νέω
ρέω
αρέω
σθίω
τρέχω
τρέφω
τρέπο
πάσχω
βλώσκω
πίπτω
λείπω

Condurre
Gettare
Scrivere
Avere
Prendere
Dire
Fuggire
Portare
Volere
Essere, diventare
potere
Essere in procinto di
Volere
Vedere
Andare
Combattere
Annunciare
Andare
Imparare, conoscere
Insegnare
Nascondere
Risplendere
Fondare, abitare
Salvare
Tendere
Mostrare
Apparire
Persuadere
Ubbidire
Cantare
Usare (+ dativo)
Onorare
Fare, creare
Rendere schiavo
Collocare
Dare
Stare
Mandare
Rivoluzionare (senso negativo)
Seguire
Lavorare
Morire, essere ucciso
Pensare, ritenere
Essere
Andare
Dire
Giacere
Giacere
Sacrificare
Dovere, essere necessario
Mostrare, indicare
Bruciare
Piangere
Navigare
Spiare
Correre
Nuotare
Scorrere
Scegliere
Mangiare
Correre
Nutrire
Volgere
Soffrire
Onorare
Cadere
Lasciare


ADVERBS - unit 2


ADVERBS

HOW FORM ADVERBS

Regular adverbs
-          add – LY to an adjective
-          example: quick » quickly
-          for adjectives ending in –LL add only –Y
-          example: full » fully

Exceptions
-          –LE become –LY
-          Example: gentle » gently
-          -Y becomes –ILY
-          Example: easy » easily
-          -IC becomes –ICALLY
-          Example: tragic » tragically
-          -UE becomes –ULY
-          Example: true » truly

Irregular adverbs
-          fast
-          hard
-          late
-          well
Adverbs with different mean
-          hardly = quasi, appena
-          lately = recentemente

martedì 14 agosto 2012

LESSICO INGLESE - Unit 4


Organise= organizzare
Trick= ingannare
Advertise= avvertire
Argue= litigare
Excess= eccesso
Reputation= reputazione 
Rescuse= soccorso
Previous= antecedente
Bit= pezzo, punta
Deserve= meritare
Retraining= riqualificazione
Charge= carica
Painfully= dolorosamente
Gum= gomma
Tempt= tentare
Prawn= gambero
Anxiety= ansia
Pain= dolore
Pensioner= pensionato
Delighted= deliziato
Barking= latrato
Copiyng= copiatura
Dachshund= bassotto
Regard= considerare
Odd= strano
Due= adeguato
Breeder= allevatore
Reputable= rispettabile
Basically= fondamentalmente
Device= dispositivo
Bark= corteccia, latrato
ANIMALS


Squirt= schizzo
Harmful= dannoso
Perch= posare, pesce persico
Hoof= zoccolo
Stable= stabile
Squawk= strillare, lamentarsi
Foam= schiuma
Fur= pelliccia
Paw= zampa
Whiskers= baffi
Claw= artiglio
Mane= criniera
Neigh= nitrire
Kennel= canile
Kitten= gattino
Beak= becco
Feather= piuma
Purr= fusa
Puppy= cucciolo
Wing= ala

LESSICO INGLESE - unità 3


Journey = viaggio
Flight = volo
Cliff = scogliera
Liner= nave da crociera
Shore= riva
Ferry= traghetto
Caravan= camper
Courier= guida
Voyage= viaggio
Campsite= campeggio
Hotel= hotel
Crossing= traversata
Travel agent= agente di viaggi
Canoe= canoa
Yacht= yacht
Sightseers= turisti
Coast= costa
Sand= sabbia
Desert= deserto
Untouched= intoccato
Recent= recente
Temperature= temperatura
Comfortable= comodo
Passenger = passeggero
Atmosphere= atmosfera
Expedition= spedizione
Injection= iniezione
Scientists= scientisti
Industry= industriale
Exursions= escursione
Experience= esperienza
Tan= abbronzatura
Ship= barca
Dock at a port= attraccare ad un porto

RIASSUNTO CAPITOLO 38 - promessi sposi

Lucia torna a casa insieme alla mercantessa con cui aveva stretto amicizia, facendo simpatia ad Agnese.
Renzo invece si reca da don Abbondio per confermare il matrimonio, ma il curato rimane diffidente e cerca di nascondere la sua persistente paura per don Rodrigo sotto una finta preoccupazione per l'incolumità del giovane, sulla cui testa pesava ancora il mandato di cattura. Ma quando Renzo annuncia che è arrivato un nuovo marchese per sostituire il defunto don Rodrigo, don Abbondio accetta volentieri di condurre la cerimonia.
All'arrivo del marchese, uomo gentile e disponibile, che porta i saluti del cardinale ai protagonisti delle disavventure, il curato inaspettatamente suggerisce di togliere il mandato di
Renzo e di comperargli i beni, e così fu.
Finalmente i due giovani si sposano, e i festeggiamenti sono felici anche se incoccati dalla tristezza di lasciare il proprio paese natio.
Nella nuova patria quello che si trova peggio è Renzo, continuamente punzecchiato dai compagni sulle aspettative che l'immaginazione aveva suscitato sull'immagine di Lucia, cosa che lo infastidì molto facendolo diventare solitario e sgarbato con tutti. Ma la soluzione a questo ennesimo problema gli si presenta: acquista un filatoio insieme a Bortolo vicino a Bergamo, dove diventa imprenditore e padre della piccola Maria, nome che mantiene la promessa fatta in precedenza alla moglie.
Gli affari e la vita matrimoniale vanno a gonfie vele, infatti nascono altri bambini che diventano la dolce disgrazia d Agnese che con lei diventano monelli.
Solo la vita con Dio e la fede a Lui può sostenere i due protagonisti, e in questa dolce fede trovano la sicurezza per vivere con semplicità e lietezza.

RIASSUNTO CAPITOLO 37 - promessi sposi

Renzo si dirige verso il suo paese tra pensieri di felicità indisturbati dalla pioggia torrenziale che subisce per tutta la notte, inconsapevole che avrebbe lavato via la peste dalla città.
Mentre pensa alle nozze vicine, a tutte le vicende che ha dovuto sopportare e a quanto sembrano piccole in confronto alla sua lietezza arriva in mattinata al paese. Arrivato a casa del suo amico d'infanzia con cui si era già confidato prima della partenza per Milano, dopo un pranzo ristoratore racconta tutte le avventure accadute e il luoghi visti, trascorrendo così un giorno intero tra racconti e lavoro alla vigna.
Il giorno dopo parte per Pasturo e, trovata Agnese, le riferisce le ultime notizie su Lucia e le vicissitudini passate, ad una sicurezza di distanza, poiché la donna non era stata contagiata.
Recatosi da Bortolo, scopre con gioia che la peste inizia a dar segni di cedimento. Lì compra i mobili per la futura casa, visto che i prezzi erano buoni (c'era più merce che compratori).
Ritorna a Pasturo e accompagna Agnese a casa, dove si dà da fare per accogliere la mercantessa che si era presa cura di sua figlia.
Mentre aiuta l'amico nei campi evita don Abbondio, per evitare uno scontro inutile che avrebbe complicato solo le cose.
Mentre Lucia passa la quarantena nella casa della mercantessa, scopre alcuni particolari sulla vita di Gertrude, che dopo esser stata riconosciuta di alcuni atti peccaminosi, vive in penitenza reclusa in un monastero per volere del cardinale e sua.
Apprende anche la dolce morte di Cristiforo e così quella di donna Prassede e don Ferrante, uno dei letterati che aveva sostenuto fino alla fine l'inesistenza della peste con ragionamenti scientifici e naturalistici.

RIASSUNTO CAPITOLO 36 - promessi sposi

Renzo, sotto il consiglio di padre Cristoforo, si dirige verso la chiesa del lazzaretto dove tutti i guariti stanno ascoltando la predica di padre Felice prima di entrare nel convalescenziario.
La processione che esce dalla piazza è lunga, ma Renzo non trova quello che stava cercando; sconfortato e atterrito si abbandona in preghiere inginocchiato ai piedi della cappella del lazzaretto, poi si incammina nel quartiere delle donne, quando finalmente sente la voce di Lucia provenire da una tenda.
È veramente lei, ma la reazione che lo accoglie non è quella che si aspettava: la giovane lo rimprovera della visita e cerca di allontanarlo con suppliche e ripetendogli il voto di castità con cui si era legata alla Madonna. Renzo invece le fa ricordare le sue promesse precedenti avendo come tesi che Maria non vorrebbe mai il dolore e la disperazione di un suo figlio, che il voto della promessa lo aveva fatto la giovane di sua spontanea volontà e non per una volontà divina; poi le racconta di padre Cristoforo e del suo perdono a don Rodrigo ricordandole e accrescendo le speranze che tempo addietro avevano costruito per il futuro.
Lucia scoppia in pianto ma Renzo non abbandona l'obbiettivo, va a cercare carte Cristoforo che, una volta davanti alla ragazza, la invita a chiederne lo scioglimento dopo averla consolata sulla volontà divina. Così fece e il cappuccino raccomanda loro un futuro di fede a Dio in un discorso prematrimoniale, inoltre li benedice conferendo loro come ricordo suo il pane del perdono che aveva conservato dal momento della sua conversione.
Infine Renzo si accinge a lasciare il lazzaretto in cerca di Agnese tra la vita movimentata del lazzaretto.

RIASSUNTO CAPITOLO 35 - promessi sposi

Renzo inizia a girare per il lazzaretto tra gente indaffarata, gemiti di malati, e continuo movimento, quasi febbrile. Il luogo è diviso in due da una strada e nel centro di tutto l'edificio é eretta una cappella. Nel suo vagare prima Renzo s'imbatte nel campo dei neonati, dove molte donne si aggirano affaccendate; poi incontra padre Cristoforo.
Dopo i saluti concitati si raccontano la propria storia a vicenda; Cristoforo, scoppiata la peste, aveva chiesto di andare a Milano, desideroso di fare del bene dove ce n'era più bisogno, così passò tutto il resto del tempo al servizio dei malati e del Signore. 
Mentre il giovane mangia un piatto di zuppa e del vino racconta al padre di Lucia, Cristoforo gli dà il consenso di cercarla nel quartiere delle donne, dove gli uomini non potevano andare. Intanto gli consiglia di andare tra poco alla cappella del lazzaretto, dove sarebbe partita la processione dei convalescenti verso il luogo di quarantena.
Ma, Alla prospettiva di non trovarla, l'animo di Renzo si accende di una ceca ira verso colui che non permise loro di sposarsi due anni fa: don Rodrigo; la sua rabbia è tale da chiedere vendetta, ma padre Cristoforo lo rimprovera severamente ricordandogli la propria esperienza e che solo Dio è giudice degli uomini. Renzo si pente, così il Cappuccino lo conduce in una tenda dove giace stremato don Rodrigo, tra la vita e la morte. 
Davanti al suo giaciglio si inginocchia a pregare, quando improvvisamente suona la campana che chiama tutti i convalescenti in raccolta: Renzo si incammina.

RIASSUNTO CAPITOLO 34 - promessi sposi

Renzo arriva sotto le mura di Milano ed entra per Porta Nuova corrompendo una guardia; ma chiedere la strada per la casa di don Ferrante si rivela più difficile del previsto, chiedendo ad un buon cristiano, quello lo scambia per un untore e lo scaccia con minacce.
Nella strada di San Marco soccorre una donna che, lasciata da sola, rischiava di morire di fame; dopo averle regalato il pane comperato a Monza le promette di avvisare un commissario e riprende la strada tra gli scampanii dei monatti che vengono a sgomberare la strada dai cadaveri.
In piazza San Marco vede terribili strumenti di tortura, molto usati in quel periodo storico, e tra le continue viste di cadaveri e miseria teme per la vita dell'amata.
Incontrato un prete, gli chiede indicazioni e gli riferisce della povera donna, poi si incammina mentre la città prende un aspetto deserto e desolato: le case sono sbarrate e non c'è nessuno per le strade, solo le campane richiamano ad un segno di umanità.
Nel suo cammino, però, si imbatte in una scena di carità: una giovane madre adagia sul carro dei monatti la piccola figlia, bianca di morte, e le dà l'ultimo saluto invitandola ad aspettarla tra poco in cielo.
Infine arriva alla casa desiderata, bussa con il battente alla porta, ma si affaccia solo una donna che gli dà sgarbatamente la notizia principale per poi richiudere di colpo: Lucia è al lazzaretto. Renzo, però, non ha neanche il tempo di realizzare la notizia che, una donna lo scambia per untore e grida al popolo accuse e sete di vendetta.
Renzo è costretto a scappare dalla folla incalzante, sebbene decimata, e trova rifugio solo sopra un carro di malati che i monatti stavano trasportando al lazzaretto e, difeso dagli stessi briganti, riesce a sfuggire.
Durante il viaggio, tra bottiglie di alcool e risate, i birboni gli urlano la loro approvazione a far morire tutti quegli ingrati al loro lavoro.
Infine Renzo ringrazia e se ne va, deriso da un monatto, finché la porta del lazzaretto non di trova davanti a lui.